Sciopero Appalti FS: Comunicato Stampa 24/09/18

Massiccia adesione allo sciopero nazionale in Emilia Romagna

Si sono tenuti oggi, in occasione della seconda azione di sciopero degli Appalti Ferroviari a livello nazionale, i presidi dei lavoratori davanti alle Stazioni di Bologna C.le. e Rimini.

Alta l'adesione allo sciopero in tutti gli appalti della Regione con picchi superiori al 90%.

I lavoratori si sono astenuti per l'intero turno di lavoro (garantendo i servizi minimi) per denunciare le criticità del settore:
•  affidamento dei lotti messi a gare con ribassi eccessivi;
•  cambi continui delle imprese alle quali vengono affidati i servizi;
•  mancata applicazione delle clausole sociali e occupazionali in palese violazione del dlgs 50/2016 e s.m.i e del Contratto di lavoro;
•  esaurimento degli ammortizzatori sociali introdotti dal D.L.148/15.

Davanti alle Stazioni sono state illustrate ai cittadini e agli utenti le cause di quella che è una degenerazione di sistema che sta avendo ricadute sulla qualità del lavoro e sui livelli occupazionali.

Registriamo con piacere la disponibilità e il sostegno dell'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna che, in risposta alla nostra “Lettera aperta alle istituzioni”, esprime per voce della Presidente Simonetta Saliera “attenzione e preoccupazione” per le criticità nel settore, ribadendo “l'importanza della legalità negli appalti e la contrarietà a prassi che sviliscano il lavoro e la sua dignità”.


Come OO.SS. Regionali unitamente ai lavoratori - che ringraziamo per la massiccia adesione alla protesta – chiediamo al Gruppo FS di affrontare responsabilmente tale situazione, per tutelare il lavoro e la dignità dei lavoratori, per evitare i possibili effetti negativi anche sui servizi offerti e per non vanificare gli ingenti investimenti e sforzi che la Regione Emilia Romagna ha messo in campo nel settore nell'ultimo mandato.

Bologna, 24 settembre 2018


Le Segreterie Regionali dell’Emilia Romagna
FILT CGIL - FIT CISL - UILTRASPORTI - UGL AF - FAST