Interporto: firmato protocollo di sito su appalti, legalità, sviluppo

Oggi 13 luglio 2017, in Comune a Bologna, è stato firmato il protocollo di sito dell’Interporto in materia di appalti, legalità e sviluppo (scaricalo!).

Le organizzazioni sindacali confederali e di categoria esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto.

In particolare il protocollo prevede:

– clausole di salvaguardia per la tutela dell’occupazione nei cambi di appalto;

– misure di forte contrasto ad ogni tipo di illegalità e per la tutela del lavoro regolare e tutelato;

– investimenti sul sito con particolare attenzione alla mobilità per l’accesso all’interporto di lavoratrici e lavoratori;

– l’avvio di percorsi di integrazione, con progetti di carattere formativo, a favore dei tanti lavoratori stranieripresenti;

– la definizione di un tavolo di sito per la gestione unitaria del protocollo stesso, con la presenza di tutte le parti (istituzioni, Interporto, organizzazioni sindacali, organizzazioni datoriali e aziende).

E’ il primo caso in cui viene definito un protocollo di sito che prevede impegni concreti per lo sviluppo, la legalità e il lavoro. Siamo quindi in presenza di una importante innovazione delle relazioni industriali quale elemento essenziale per la logistica metropolitana rappresentata da Interporto che, ricordiamo, è società partecipata dalle istituzioni locali.

 

p. CGIL Bo - Alessio Festi 


p. FILT Bo - Valeria Mascoli


p. CISL Bo - Fatima Mochrik


p. UIL BoRoberto Rinaldi


 p. FIT BoVincenzo Curcio


p. UILTRASPORTI BoMirco Fabbretti