Appalti ferroviari: Filt Cgil, troppe e frequenti inadempienze retributive. Le società del Gruppo FSI vigilino su capacità economico finanziaria e regolarità contributiva delle aziende - 26/07/19

“Serve una soluzione strutturale per la vertenza Appalti ferroviari dopo tre scioperi e una richiesta di incontro al Ministero del Lavoro” dichiara la Filt Cgil che su mandato dei lavoratori, ha formalmente richiesto al consorzio Manital e alle società committenti Trenitalia ed RFI il pagamento a favore dei lavoratori della retribuzione relativa al mese di luglio dopo mesi di ritardo nella corresponsione delle retribuzioni. 

“La risposta è arrivata immediatamente da parte di Trenitalia con la richiesta di consegnare i prospetti paga e l'impegno a pagare in surroga su tutti i lotti Manital in caso di mancata risposta da parte della società appaltatrice - prosegue la Filt Cgil - dopo le proteste, gli incontri, le pressioni da parte delle organizzazioni sindacali, con la proclamazione dello stato di agitazione in diverse Regioni (Piemonte, Toscana, Liguria solo per citarne alcune), il 23 luglio Trenitalia ha scritto alla Manital Idea S.p.a.comunicando che avrebbe proceduto al pagamento in surroga di tutti i crediti (mensilità di luglio, 14 esima mensilità oltre alle spettanze di fine rapporto ed al Tfr) previa richiesta dei prospetti con i netti a pagare.”
Conclude la Filt Cgil: “ Non si cresce con la svalutazione del lavoro. Serve con urgenza una soluzione strutturale per il comparto”.

Roma, 26 luglio 2019

 

FILT CGIL Nazionale

 

[www.filtcgil.it/]